4 Dicembre 2020

mobilità sostenibile

Come cambia la mobilità urbana durante una pandemia globale?

Auto, bicicletta o mezzi pubblici: come è cambiata la mobilità all’epoca del COVID-19

sharing mobility

La mobilità sostenibile post Covid-19 sa di 2 ruote

La Fase 2 richiede una mobilità urbana sicura, che garantisca il corretto distanziamento fisico tra le persone e che non abbia un impatto nocivo sull’ambiente: Legambiente propone così il raddoppio delle piste ciclabili e un potenziamento dei servizi di sharing

monopattini elettrici

Monopattini elettrici, ora la legge c’è

La norma parte non in sicurezza: senza casco né assicurazione. Ma, intanto la mobilità elettrica, soprattutto quella a due ruote, è una scelta moderna e metropolitana: non produce inquinamento quindi incide meno sui costi sociali, sanitari ed economici e, grazie alla sua autonomia, si addice perfettamente ai bisogni di chi vive nelle città

mobilità elettrica - viaggiare in elettrico

Viaggiare in elettrico: anche in Italia si può

L’auto elettrica ormai è una realtà: l’ultima barriera psicologica – quella della scarsa autonomia e della mancanza di punti di ricarica – sta lentamente cedendo, aprendo così la strada ai viaggiatori a zero emissioni che, con una pianificazione, possono ormai muoversi verso qualunque destinazione, senza problemi

L’approccio green che fa la differenza dentro e fuori casa

Modernizzare le proprie case e attuare alcuni piccoli accorgimenti alla guida. Due azioni che contribuiscono alla riduzione del proprio impatto ambientale. Tutti i giorni.