1 Marzo 2024
Tag
2021/341Accordo di Parigiacquaacqua dolceagricolturaagricoltura sostenibilealimentazioneambienteanimaliApiApicoltoriaroTHERM plusarticoAssociazione L’Arte del Vivere con Lentezza Onlusassociazionibeauty routinebenesserebiciclettabiodiversitàbioediliziabiogasborsa di studioBrandforumbuoni propositicaldaia ibridacaldaiecambiamenti climaticicambiamentocambiamento climaticocaro bollettecasacasa greenCase greencertificazioneChange managementcibociclofficinecinemacioccolatocircular economyclasse energeticaclimatizzatoriclimaVAIRco-housingcomfortcomunità energetichecondizionatorecondizionatoriconsumiCOP26COP27COP28Copernicuscoronaviruscotone biologicocovid-19daddecarbonzzazionedeforestazionedenimdesigndetrazioni fiscalideumidificatoredidattica a distanzadigitaledirittidiritto alla disconnessionediscaricadomoticadpie-wasteEarth Day 2021Earthdayecoetichettaecofashionecologiaeconomia circolareecosistemiecosostenibilitàediliziaeducazione greenefficienza energeticaelettrolisielettrolizzatoreElia OrigoniemissioniEneaenergiaenergia pulitaenergie rinnovabilieolicoeticaEuropaeventiFarfalla BlufashionfelicitàFerrarifesta della mammaFeste natalizieforeste pluvialiforeste sostenibilifotovoltaicogazzetta ufficialegeopoliticaGiornata Europea dei ParchiGiornata Mondiale dell AlimentazioneGiornata Mondiale della ApiGiornata Mondiale della BiodiversitàGiornata Mondiale della Foresta PluvialeGiornata Mondiale della Terragiovanigreengreen buildinggreen economygreen jobshabitathome-schoolinghydrogen valleyhyggeidrogenoidrogeno bluidrogeno verdeimballaggiImpact Marketing Awardimpronta ambientaleincendiindoorinfluencerinnovazione tecnologicainquinamentointelligenza artificialeinternetIRENAITjeanslegnolettura digitaleLIfegatelinguaLoss & DamageLoss and Damagelotta ai cambiamenti climaticilotta allo spreco di cibomanutenzionemascherinematerie primemobilità nuovamobilità sostenibilemoda sostenibilemusicaNatalenaturaNazioni Unitenevica plasticanew normalityNuovo UmanesimoObiettivi di Sviluppo Sostenibileobsolescenzaofficine popolariOlivettiONUorganicopackagingpartecipazionepasquapassionePEFC Italiapendolariphygitalpianetapianificazione urbanaPiano Nazionale di Ripresa e Resilienzapiantagioni di cacaopiove plasticaplasticaplasticfreepodcastpompa di caloreproduttivitàproduzione jeansqualità ariaR290raccolta differenziataraeeReCiProcorecuperorelaxREpowerEUresoresponsabilità sociale di impresaricarica auto elettrichericondizionatoriduttore di flussorifiutirigeneratorigenerazioneriparazioneriscaldamentoriscaldamento globalerisorse naturalirisparmioriuso e ricicloriutilizzosalutesalvaguardiaSEEDS 2030siberia articasicurezzaslowslow bossSlow Brand Festivalsmart buildingsmart citysmart homesmart workingsmogsostenibilesostenibilisostenibilitàsostenibilità socialesportsprechisprechi in cucinastagione degli incendisviluppo sostenibiletechtecnologiatempo liberotermostatiterraTHE HUMAN SOCIETYtransizione ecologicatransizione energeticatrasporto urbanotrendturismoturismo sostenibileUmanesimo aziendaleundertourismuovo di cioccolatovacanzeVaillantviaggivintageWebwelfareWePlanetWorld Food DayWorld Happiness ReportWWFzero sprechizero waste

Skin & body care sostenibili: cura della pelle… e dell’ambiente

Tempo di lettura: 4 minuti

Secondo l’Ong Keep the Planet, l’industria della cura del corpo e della bellezza produce 120 miliardi di unità di imballaggio ogni anno. Cifre da capogiro e non poco preoccupanti se non correttamente riciclate. Vi è poi la questione delle confezioni monouso. Con il report “Fermiamo l’inquinamento da Plastica: come i Paesi del Mediterraneo possono salvare il proprio mare”, il Wwf si fa portavoce della necessità di bandire il monouso per ottenere mari più puliti dalla plastica fino al 40%. Ogni anno, infatti, sono 570 mila le tonnellate di plastica che finiscono solo nel Mediterraneo, pari a 33.800 bottiglie di plastica al minuto. Dati che parlano chiaro e che invitano all’adozione di prodotti ecosostenibili e naturali nelle nostre routine quotidiane.

L’utilizzo di prodotti environmentally-friendly farebbe di noi persone più responsabili e a ringraziarci non sarebbe solo la nostra pelle, ma anche l’ambiente. Capire cosa contengono i prodotti che usiamo, con quali modalità sono stati creati e interessarci del loro smaltimento sono passi importanti che ci consentirà di adottare una green beauty routine a 360°.

La buona notizia è non siamo soli nella promozione di una skin & body care sostenibile. I dati confermano che il mercato della cosmesi green e bio sta vivendo una crescita esponenziale e in Italia il suo valore è di 1 miliardo di euro. Sono tante, infatti, le aziende che approdano al mondo green, optando per prodotti biologici, con packaging interamente riciclabili e al contempo accontentando fasce di popolazione sempre più esigenti rispetto ai temi di sostenibilità – in particolare le generazioni più giovani.

Ecco quindi alcune realtà che si stanno facendo notare per il loro impegno.

La cosmesi non è mai stata così green

Un bell’esempio è Colgate-Palmolive, che nel 2020 ha lanciato in Italia “Smile for Good”, kit eco-friendly che si compone di un dentifricio al 99,7% naturale, composto da pochissimi ingredienti e contenuto in un packaging totalmente riciclabile, e da uno spazzolino realizzato totalmente in bambù. Una scelta responsabile soprattutto se pensiamo che, sempre secondo il Wwf, uno spazzolino di plastica tradizionale può impiegare fino a 500 anni per decomporsi e, in media, ogni persona ne cambia fino a 300 nell’arco della vita.

Perché quindi non ovviare al problema con soluzioni creative e ancor meglio se a impatto zero?

Lush, brand anglosassone che fa dei prodotti hand-made il proprio marchio di fabbrica, ha ideato una alternativa solida al classico dentifricio, congiungendo praticità a genialità. I dentifrici solidi o in polvere sono confezionati con materiali interamente riciclabili come l’alluminio, riutilizzabili grazie ai refill e più economici

Tra le altre iniziative green promosse da Lush vi è il cosiddetto ‘Negozio Naked’, dove si trovano solo prodotti ‘solidi e nudi’, in linea con una visione innovativa della cosmesi, plastic e cruelty-free. Orientare i nostri acquisti su scelte più etiche include l’accertarci che i prodotti riportino la certificazione allo Standard Internazionale “Stop ai test sugli animali”, in vigore dal 2013 e controllato da Icea (Istituto per la Certificazione Etica e Ambientale). La scelta harm-free è possibile e auspicabile. L’organizzazione “Essere Animali”, ad esempio, offre ‘liste positive’ dei brand che non conducono test sugli animali o che non contengono prodotti animali, abbracciando anche la filosofia vegan.

Se brand come Lush sono nati green, ci sono brand che lo stanno diventando con soluzioni sostenibili di quei prodotti a cui non possiamo proprio rinunciare. Un esempio è Garnier, che ha creato la prima linea di shampoo solido vegetale e imballato in una confezione priva di plastica per promuovere un’idea di bellezza naturale e nel rispetto del l’ambiente. Il beneficio più evidente legato all’utilizzo di uno shampoo solido è sicuramente la durata. Una saponetta di shampoo solido equivale in media a 3 flaconi di shampoo liquido da 250ml, permettendo di lavare i capelli circa 80 volte. Un bel risparmio anche a livello economico. La forma compatta e la sua composizione naturale poi lo rendono un prodotto pratico e perfetto anche per il lavaggio del corpo, una soluzione 2 in 1.  

E non è tutto. La composizione naturale di prodotti zero-waste permette di diminuire la presenza di microplastiche all’interno di alcuni prodotti di uso quotidiano. Secondo l’indagine di GreenpeaceIl trucco c’è ma non si vede”, nel 79% dei prodotti di uso comune è stato riscontrata presenza di materie plastiche, tra cui microplastiche e polimeri, i cui effetti negativi si ripercuotono non solo sul benessere delle persone, ma anche sull’ambiente. È importante, quindi, leggere attentamente l’Inci (International Nomenclature of Cosmetic Ingredients) posta sui prodotti, per evitare di venire in contatto con agenti chimici che potrebbero danneggiare pelle e ambiente.

Piccoli gesti quotidiani per prenderci cura di noi stessi e del pianeta

Se quindi ci sentiamo particolarmente ispirati e pronti a immergerci completamente in una skin & body care routine green, ecco i primi step per prenderci cura di noi in modo responsabile e divertente.

Creare prodotti home-made è un buon inizio. Con pochissimi ingredienti, facilmente reperibili, è possibile creare prodotti 100% naturali utilizzando prodotti alimentari di uso comune come la frutta, il miele, il caffè macinato, l’olio di oliva e molti altri. Otterremo così profumatissime maschere nutrienti per viso e per capelli in pochissimi passi. E perché non sfruttare il sale e lo zucchero per creare scrub corpo drenanti ed emollienti? Basterà unire il sale o lo zucchero a un ingrediente liquido e il gioco è fatto e se vogliamo profumarlo possiamo aggiungere i nostri olii essenziali preferiti.

Per coccolare i capelli si possono realizzare balsami delicati con l’olio di cocco, noto per le proprietà idratanti e rigeneranti, l’aloe vera, indicata come purificante e l’aceto di mele per le proprietà riequilibranti.

Passando al make-up invece, scegliere pennelli cruelty-free con setole sintetiche e vegetali è preferibile ai tradizionali pennelli, senza rinunciare alla qualità. Un’altra idea è quella di sostituire i dischetti in cotone idrofilo con alternative in stoffa – magari in cotone – e quindi lavabili.

Questi accorgimenti ci sorprenderanno e ci renderemo conto subito di come, seppur piccoli, alcuni semplici atti, possano rendere la nostra beauty routine sostenibile, anche nel tempo.

Il concetto di green beauty routine è un concetto a tuttotondo, che riflette un modo di prendersi cura del proprio corpo guidato da consapevolezza, etica e umanità. E se non ci sentiamo pronti a tuffarci a capofitto in una beauty routine green, possiamo però provare a modificare gradualmente le nostre abitudini, come leggere attentamente le etichette, accertarci che l’Inci non contenga ingredienti chimici nocivi, preferire un packaging riciclabile in vetro o alluminio, prodotti sfusi e cruelty-free e riciclare in modo corretto. Qualsiasi sia la strada che decidiamo di intraprendere nel viaggio verso la sostenibilità, non scordiamoci che la scelta sostenibile è soprattutto una scelta responsabile e che il cambiamento parte proprio da ognuno di noi.