1 Marzo 2024
Tag
2021/341Accordo di Parigiacquaacqua dolceagricolturaagricoltura sostenibilealimentazioneambienteanimaliApiApicoltoriaroTHERM plusarticoAssociazione L’Arte del Vivere con Lentezza Onlusassociazionibeauty routinebenesserebiciclettabiodiversitàbioediliziabiogasborsa di studioBrandforumbuoni propositicaldaia ibridacaldaiecambiamenti climaticicambiamentocambiamento climaticocaro bollettecasacasa greenCase greencertificazioneChange managementcibociclofficinecinemacioccolatocircular economyclasse energeticaclimatizzatoriclimaVAIRco-housingcomfortcomunità energetichecondizionatorecondizionatoriconsumiCOP26COP27COP28Copernicuscoronaviruscotone biologicocovid-19daddecarbonzzazionedeforestazionedenimdesigndetrazioni fiscalideumidificatoredidattica a distanzadigitaledirittidiritto alla disconnessionediscaricadomoticadpie-wasteEarth Day 2021Earthdayecoetichettaecofashionecologiaeconomia circolareecosistemiecosostenibilitàediliziaeducazione greenefficienza energeticaelettrolisielettrolizzatoreElia OrigoniemissioniEneaenergiaenergia pulitaenergie rinnovabilieolicoeticaEuropaeventiFarfalla BlufashionfelicitàFerrarifesta della mammaFeste natalizieforeste pluvialiforeste sostenibilifotovoltaicogazzetta ufficialegeopoliticaGiornata Europea dei ParchiGiornata Mondiale dell AlimentazioneGiornata Mondiale della ApiGiornata Mondiale della BiodiversitàGiornata Mondiale della Foresta PluvialeGiornata Mondiale della Terragiovanigreengreen buildinggreen economygreen jobshabitathome-schoolinghydrogen valleyhyggeidrogenoidrogeno bluidrogeno verdeimballaggiImpact Marketing Awardimpronta ambientaleincendiindoorinfluencerinnovazione tecnologicainquinamentointelligenza artificialeinternetIRENAITjeanslegnolettura digitaleLIfegatelinguaLoss & DamageLoss and Damagelotta ai cambiamenti climaticilotta allo spreco di cibomanutenzionemascherinematerie primemobilità nuovamobilità sostenibilemoda sostenibilemusicaNatalenaturaNazioni Unitenevica plasticanew normalityNuovo UmanesimoObiettivi di Sviluppo Sostenibileobsolescenzaofficine popolariOlivettiONUorganicopackagingpartecipazionepasquapassionePEFC Italiapendolariphygitalpianetapianificazione urbanaPiano Nazionale di Ripresa e Resilienzapiantagioni di cacaopiove plasticaplasticaplasticfreepodcastpompa di caloreproduttivitàproduzione jeansqualità ariaR290raccolta differenziataraeeReCiProcorecuperorelaxREpowerEUresoresponsabilità sociale di impresaricarica auto elettrichericondizionatoriduttore di flussorifiutirigeneratorigenerazioneriparazioneriscaldamentoriscaldamento globalerisorse naturalirisparmioriuso e ricicloriutilizzosalutesalvaguardiaSEEDS 2030siberia articasicurezzaslowslow bossSlow Brand Festivalsmart buildingsmart citysmart homesmart workingsmogsostenibilesostenibilisostenibilitàsostenibilità socialesportsprechisprechi in cucinastagione degli incendisviluppo sostenibiletechtecnologiatempo liberotermostatiterraTHE HUMAN SOCIETYtransizione ecologicatransizione energeticatrasporto urbanotrendturismoturismo sostenibileUmanesimo aziendaleundertourismuovo di cioccolatovacanzeVaillantviaggivintageWebwelfareWePlanetWorld Food DayWorld Happiness ReportWWFzero sprechizero waste

Sempre più Slow Boss in azienda

In occasione del recente Slow Brand Festival sono stati assegnati anche per quest’anno i premi Slow Adv 2023, Slow Factory 2023, Slow Place 2023, Slow Web 2023 e Slow Boss 2023, quest’ultimo assegnato alla figura aziendale che più ha saputo distinguersi per le scelte lungimiranti a livello gestionale, organizzativo e comunicativo

Tempo di lettura: 2 minuti

Un evento tutto dedicato all’approccio #Slow per riconoscere l’importanza della ‘lentezza’ e di quanto questa sia capace di aiutarci a recuperare una dimensione più sostenibile in ogni aspetto della nostra vita. Con questo obiettivo è nato nel 2015 lo Slow Brand Festival, appuntamento ideato da Patrizia Musso insieme alla redazione di Brandforum e organizzato in collaborazione con l’Associazione L’Arte del Vivere con Lentezza Onlus, fondata da Bruno Contigiani. Un appuntamento che da subito ha voluto rappresentare un momento vitale di approfondimento e confronto sull’evoluzione del fenomeno #Slow all’interno del mondo aziendale italiano, ogni giorno più ricco di nuovi casi esemplari, sia tra le grandi aziende che tra le Piccole e medie imprese. La necessità di introdurre una diluizione dei tempi di contatto e rafforzare le relazioni con gli stakeholder (presenti dentro e fuori dalle imprese) è, infatti, ormai avvertita in modo trasversale da tutto il mercato, facendo crescere l’attenzione verso nuovi temi come il benessere aziendale.

L’ultima edizione dello Slow Brand Festival si è tenuta il 18 maggio scorso presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e ha visto la premiazione dei vincitori delle cinque categorie Slow esaminate ogni anno: Slow Adv 2023, Slow Factory 2023, Slow Place 2023, Slow Web 2023 e Slow Boss 2023. Quest’ultima assegna un riconoscimento alla figura aziendale che più ha saputo distinguersi per scelte lungimiranti a livello gestionale, organizzativo e comunicativo. Otto i Boss selezionati quest’anno dagli esperti, una rosa su cui una giuria Under30 e il pubblico di Brandforum sono stati chiamati a esprimere la propria preferenza. Tra i candidati anche Maria Cristina Ceresa, Direttore Responsabile di GreenPlanner (testata focalizzata sui temi della sostenibilità), che ha così commentato la sua nomination: “Sono per lo slow journalism (approfondimento); per lo slow food (coltivazione sostenibile); lo slow tourism (arrivare dove ti portano le gambe) e in generale per tutto ciò che ci porta, non tanto a rallentare, quanto ad assaporare le esperienze. Però alla nomination come slow boss mi sono stupita e molto: non mi sento capo e da sempre apprezzo il lavoro in team… troviamo una nuova definizione per questa modalità collaborativa?”.

All’evento del 18 maggio è intervenuto anche Gherardo Magri, AD di Vaillant Group Italia, premiato come Slow Boss nel 2018 per aver operato a favore dei propri dipendenti e dell’ambiente circostante in modo virtuoso e lungimirante, mettendo in atto strategie d’impresa che hanno posto al centro le persone e i loro bisogni. In quell’occasione Magri aveva ringraziato le persone di Vaillant Italia per il premio ricevuto, affermando che il successo del suo modello di pensiero era dovuto alla condivisione con tutte loro. Questo modello ha creduto da sempre nella capacità di sapersi fermare per riflettere e pensare, per poi ripartire. In questa stessa ottica l’anno scorso Vaillant Group Italia ha lanciato ‘THE HUMAN SOCIETY. Inspired by Vaillant’, un’importante iniziativa con cui l’azienda intende promuovere la diffusione di un ‘nuovo umanesimo’ all’interno e al di fuori di tutte le organizzazioni interessate a lavorare a un progresso sostenibile, che sia di beneficio per l’ambiente e le persone. Il suo manifesto si basa su cinque pilastri fondamentali: Etica, Ambiente, Sviluppo, Inclusione e Valorizzazione di ogni individuo.