18 Settembre 2020

Parliamo la stessa lingua per salvare il Pianeta

Ormai è chiaro, solo restando uniti e creando una sorta di solidarietà globale riusciremo a preservare l'ambiente. Nulla crea maggiore unità di un linguaggio convenzionale comune per mezzo del quale confrontarsi e dar vita a comportamenti, politiche e strategie condivise.

Tempo di lettura: 2 minuti

Nel periodo storico in cui viviamo, la tutela dell’ambiente è una priorità a livello globale. Solo collaborando e mettendo in atto politiche condivise globalmente riusciremo a ottenere risultati concreti e preservare il pianeta per le generazioni future. La coesione a livello globale la si può creare anche partendo da un linguaggio condiviso, un codice che ci permette di vivere e pensare sostenibile e dare vita a strategie condivise. 

Quando si parla di ambiente, cambiamenti climatici e “green”, spesso vengono utilizzati termini intraducibili dall’inglese, entrati ormai a far parte del glossario della sostenibilità ambientale. Analizziamone alcuni chiarendone il significato.  

URBAN WARMING / URBAN HEAT ISLAND

Con Urban Warming si intende un’anomalia di temperatura dell’ambiente urbano in genere superiore a quella dell’ambiente rurale e delle periferie. Il fenomeno viene anche definito isola di calore (Urban Heat Island), che indica proprio il microclima che si va a formare nelle città.  La diffusa cementificazione, le poche aree verdi, gli autoveicoli, gli impianti industriali e i sistemi di riscaldamento e di aria condizionata – ad uso domestico e non – sono alcune delle cause di questo fenomeno. Gli effetti di questo cambiamento di temperatura di origine antropica, che negli ultimi anni ha assunto dimensioni importanti, impattano anche sul riscaldamento globale.

ROAD ECOLOGY

La road ecology si occupa delle interazioni tra grandi infrastrutture (strade, autostrade, ferrovie, ecc…) e l’ambiente naturale nel quale sono inserite. L’obiettivo della disciplina è la minimizzazione degli effetti negativi che le infrastrutture possono avere sulla flora e la fauna dell’ecosistema in cui l’infrastruttura si inserisce. In particolare, la disciplina si occupa di limitare la frammentazione degli habitat, creando sovrappassi e sottopassi nell’ambiente e inducendo gli animali ad utilizzarli, e la mitigazione del rumore causato dal traffico delle grandi arterie. 

ELETTROSMOG

Con il termine Elettrosmog si intende l’impatto dei campi elettromagnetici, sull’ambiente circostante, generati da apparecchiature e impianti elettrici ed elettronici, utilizzati sia per il trasporto dell’energia che nell’ambito delle telecomunicazioni. Uno degli effetti accertati delle onde elettromagnetiche è l’innalzamento della temperatura dei tessuti biologici, maggiormente in quelli ad elevate percentuali di acqua. 

GREENHOUSE GAS

I greenhouse gas – o gas serra -, che possono avere un’origine naturale o antropica, sono responsabili del cosiddetto effetto serra: un fenomeno naturale da sempre presente sulla terra. In particolare, i gas serra  filtrano le radiazioni solari e ostacolano l’uscita delle radiazioni infrarosse. I principali gas serra presenti nell’atmosfera sono: il vapore acqueo (H2O), l’anidride carbonica (CO2), l’ossido di azoto (N2O), e il metano (CH4). Le attività umane hanno aumentato la quantità di questi elementi nell’atmosfera andando a creare uno squilibrio responsabile del riscaldamento globale. 

ECOLABEL

L’ecolabel è un sistema volontario di etichettatura ecologica dei prodotti, che ha lo scopo di promuovere la progettazione, la produzione, la commercializzazione e l’uso di prodotti con minore impatto ambientale, individuato in base ad un esame delle interazioni dei prodotti con l’ambiente nel corso del proprio ciclo di vita. L’Ecolabel è diffuso in tutta l’Unione Europea e il rispetto dei criteri ecologici viene attestato da organismi pubblici indipendenti.

Partendo dal significato delle parole utilizzate in tutto il mondo in tema di sostenibilità, è possibile identificare delle best practice per ridurre il proprio impatto sul Pianeta. Infatti, le azioni quotidiane dei singoli hanno un forte peso, in quanto uomo e ambiente non sono organismi a se stanti, ma fanno parte di uno stesso sistema, le cui sorti dipendono dalle scelte quotidiane di ognuno.