9 Dicembre 2019

L’approccio green che fa la differenza dentro e fuori casa

Modernizzare le proprie case e attuare alcuni piccoli accorgimenti alla guida. Due azioni che contribuiscono alla riduzione del proprio impatto ambientale. Tutti i giorni

Tempo di lettura: 3 minuti

Economia verde, tanti ne parlano ma pochi sanno di cosa si tratti nel concreto. La sua definizione è molto ampia e comprende tutte le attività che mirino ad aumentare l’efficienza energetica, ridurre le emissioni di  CO2 e salvaguardare l’ecosistema, senza mai dimenticarsi dello sviluppo.

Mark Jacobson, ingegnere ambientale della Stanford University, sostiene che la conversione ad un’economia alimentata al cento per cento da energie rinnovabili, soprattutto sole e vento, sia possibile entro il 2050.

Nell’attesa che la transizione ad un’economia green si compia, ogni singolo individuo può iniziare a contribuire riducendo il proprio impatto ambientale. La buona notizia è che cambiando alcune piccole abitudini e adottando tecnologie più sostenibili, chiunque può fare la differenza.

Dentro casa: utilizzare le pompe di calore alimentate da un impianto fotovoltaico

Secondo una ricerca coordinata dall’Eurac sui consumi degli edifici residenziali e adibiti a uffici del territorio europeo, le abitazioni private sono responsabili del 40% del consumo energetico totale e, di questo, circa due terzi sono causati da sistemi di riscaldamento arretrati.

A fronte di ciò si evince che climatizzare le case con pompe di calore potrebbe essere una buona alternativa. Questa tecnologia permette infatti di aumentare notevolmente l’efficienza del proprio impianto di riscaldamento. Grazie all’impiego per il 75% di fonti naturali (terreno, acqua e aria), le pompe di calore producono meno emissioni di anidride carbonica e di particolato PM10, le famigerate polveri sottili, i cui livelli limite vengono spesso superati in inverno.

Il restante 25% dell’energia richiesta dal sistema a pompa di calore prevede energia elettrica. Anche in questo caso però, la soluzione green esiste. Installando un impianto fotovoltaico si può produrre energia sottoforma di elettricità in modo pulito ed ecologicamente sostenibile.

Ciliegina sulla torta, la possibilità di controllare e programmare il proprio sistema di riscaldamento da remoto tramite smartphone, ottimizzando i consumi.

Fuori di casa: adottare un approccio eco-friendly al volante

Constatato che il modo migliore per inquinare meno sia quello di guidare una vettura elettrica o, ancora meglio, di preferire la bicicletta e i mezzi pubblici, bisogna poi fare i conti con la realtà. In Italia l’auto elettrica rappresenta ancora un mercato di “nicchia”  nonostante gli interessanti tassi di crescita visti negli ultimi anni. Secondo i dati dell’Automobile Club d’Italia (Aci) attualmente il numero di auto elettriche e ibride ammonta a poco più di 250.000 veicoli, pari allo 0,6 % del parco auto circolante.

In attesa che le quattro ruote elettriche prendano piede, si può iniziare ad adottare alcuni piccoli accorgimenti al volante della propria automobile per contenere in modo significativo le emissioni di CO2.

Innanzitutto, bisognerebbe cercare di mantenere una velocità costante per ridurre il consumo di energia richiesta nelle fasi di accelerazione e frenata. Fuori città, il cruise control rappresenta un valido alleato. Proprio nella fase di accelerata è consigliabile passare il prima possibile al rapporto superiore, cercando di non superare i 2.500 giri al minuto. Questo permette di risparmiare l’energia che viene dissipata dall’attrito che si crea tra le varie parti in movimento del motore. Anche minimizzare i pesi è un piccolo accorgimento che ci permette non solo di ridurre i consumi di energia richiesta durante l’accelerazione, ma anche di ottimizzare l’energia dissipata a causa dell’attrito tra pneumatico e asfalto. L’ultima buona regola per una guida eco-friendly è quella di spegnere il motore nelle soste brevi. Anche in quest’ultimo caso la tecnologia installata sui modelli più recenti viene in nostro aiuto con un sistema automatico: lo start&stop.

Esistono infiniti modi per il singolo di contribuire alla salvaguardia del nostro pianeta, ma è importante iniziare dalle basi dentro e fuori le proprie mura di casa. Ognuno può fare la differenza, anche con piccoli gesti quotidiani.