18.01.2019 0 290 Green news

Il futuro del comfort domestico è elettrico, intelligente e sostenibile

Dal gas alle pompe di calore, la strategia di Vaillant e la centralità della salvaguardia del Pianeta

5 giugno 2018

La Conferenza di Parigi 2015 sui cambiamenti climatici ha visto più di 190 nazioni del mondo prendere atto della gravità della situazione e impegnarsi per intraprendere azioni concrete che possano mettere un freno a fenomeni come effetto serra e surriscaldamento globale, in grado di minacciare seriamente l’equilibrio del Pianeta.

L’obiettivo è ambizioso: limitare il surriscaldamento globale a meno di 2 gradi C rispetto all’era pre-industriale e azzerare le emissione di gas serra entro il 2050.

La risposta più efficacie ai cambiamenti climatici è dunque un progressivo abbandono dei combustibili fossili, la ricerca di una sempre maggiore efficienza energetica e la produzione e l’utilizzo di energia da fonti rinnovabili.

Vaillant, come protagonista di un settore, quello del comfort domestico, che per ragioni strutturali è tra le maggiori cause di emissioni di gas serra, di fronte a questo scenario ha deciso di non limitarsi a dare il suo piccolo contributo, ma di fare da apripista verso un futuro sostenibile.

Un futuro che stiamo costruendo investendo in maniera sempre più significativa nelle nostre soluzioni in pompa di calore, che sfruttano fonti rinnovabili. Abbiamo intrapreso un percorso di lungo periodo che vedrà l’elettricità sempre più affiancarsi al gas, un vero e proprio cambio di paradigma per un’azienda che da oltre 140 è leader in questo settore.

Dallo scorso anno tutta la produzione di pompe di calore è stata portata nel nostro quartier generale di Remscheid, dove abbiamo creato un centro di competenza al 100% dedicato e dove sta nascendo un nuovo centro di ricerca e sviluppo, grazie ai quali contiamo poter mettere sul mercato entro il 2019 sette nuove gamme di prodotto basate sulle rinnovabili.

Già di recente, con la nuova aroTHERM split, abbiamo reso disponibile una soluzione per le esigenze di riscaldamento, raffrescamento e produzione di acqua calda sanitaria che può vantare elevatissime doti di efficienza (fino ad A+++ ready) e livelli di emissioni acustiche estremamente contenuti , tanto da essere la soluzione più silenziosa disponibile sul mercato.

Di pari passo con lo sviluppo di prodotti “elettrici” andrà quello di soluzioni sempre più intelligenti e connesse. L’obiettivo è mettere tutte le potenzialità della rivoluzione digitale, dell’IoT e dell’Intelligenza Artificiale al servizio del comfort domestico, mentre già oggi soluzioni come il termostato modulante Wi-Fi vSMART e la centralin

futuro-confort-domestico

a intelligente MultiMATIC 700 sono in grado di elevare efficienza, performance e sostenibilità degli impianti di riscaldamento.

Sempre maggiore rilievo sarà inoltre dato a un approccio di sistema, una visione che già oggi caratterizza Vaillant e che permette di integrare tutti i

prodotti, dalla ventilazione forzata al solare, dalle caldaie, le pompe di calore all’accumulo, in un’unica soluzione in grado di adattarsi alle esigenze più diverse e gestibile in maniera centr

alizzata.

Approccio di sistema che va esteso quell’integrazione edificio-impianto che rappresenta un ulteriore chiave di volta per raggiungere gli obiettivi di Parigi. Secondo l’UE, infatti, le emissioni da edifici residenziali e uffici possono essere quasi completamente azzerate (-90% entro il 2050) se le nuove costruzioni verranno progettate e realizzate secondo una visione integrata di soluzioni attive (e.g. impianti di riscaldamento e climatizzazione) e passive (e.g. materiali di coibentazione) e se si interverrà in maniera simile ammod

ernando gli edifici più datati.

Fedela a un ruolo che fa parte del DNA stesso del marchio, Vaillant si avvia oggi ad affrontare da avanguardista quella che è forse la più grande rivoluzione che l’industria del comfort domestico abbia mai affrontato, chiamata a rispondere alla necessità ormai improrogabile di creare soluzioni in grado di garantire alti livelli di benessere contribuendo al tempo stesso inmaniera sostanziale alla salvaguardia del Pianeta.

Condividi l’articolo