18 Settembre 2020
giornata da cani

Il 26 agosto è una giornata da… cani

Oltre al compleanno del proprio cagnolino va aggiunta in calendario la giornata mondiale del nostro amico a quattro zampe. Un modo in più per sentirsi parte di una comunità che ha adepti in tutto il mondo: quella dei proprietari di cani

Tempo di lettura: 2 minuti

Eh sì, anche i cani hanno la loro giornata: il 26 agosto, infatti, si celebra da quasi quindici anni la Giornata mondiale del Cane.

In Italia la data si festeggia ancora un po’ in sordina, ma negli Stati Uniti, grazie all’esperta di animali domestici Colleen Paige (cui si deve l’introduzione in calendario della data da cani) si sta diffondendo con lo stesso entusiasmo del Thanksgiving.

Ma qualcosa si muove anche da noi. D’altra parte il cane è l’animale domestico più diffuso nelle famiglie italiane: tra le mura di casa i canidi sono il 48,8% degli animali domestici adottati.

Lo ha rilevato Eurispes nel Rapporto Italia del 2020, aggiungendo che quattro italiani su dieci accolgono almeno un animale in casa: nel 20,7% dei casi a dormire tra le mura domestiche ce n’è uno solo, nel 9,6% dei casi i pet sono due, nel 5,6% tre, nel 3,6% più di tre.

I monogenitori con figli sono in assoluto la tipologia familiare che ha più spesso in casa un animale domestico (47,5%), cui seguono le coppie con figli (40,6%).Interessante dare un occhio anche a quanto si spende per la gestione del proprio cane: la maggior parte dei padroni di un quattro zampe spende fino a 50 euro (32,8%); uno su dieci arriva a quota 100-200 euro.

Il cane è anche il companion animal che si porta più frequentemente in vacanza con sé: sempre più strutture accettano la presenza di un cane: alberghi, ristoranti e addirittura spiagge li accolgono volentieri.

Da un’indagine britannica della Pet Business World è emersa una crescita del 41% nelle prenotazioni in una vacanza che diventa così dog friendly. Secondo Coldiretti già nel 2019 due italiani su 5 sono partiti con il proprio animale.

Ma quali sono rischi e pericoli in cui potrebbero incorrere i cani durante viaggi e gite fuori porta?

Secondo gli esperti particolare attenzione va posta alle articolazioni, soggette soprattutto durante i viaggi e lunghe passeggiate a importanti sollecitazioni, alla situazione legata al peso e alla dieta seguita durante l’anno, all’attività fisica e al nuoto, senza dimenticare di prestare attenzione ai tipici movimenti dei cani in vacanza come il salto in auto e la corsa sulle scale.

Per cui, curiamoli bene, in modo che il 26 agosto possiamo festeggiare con il nostro amico quattro zampe in serenità.