1 Marzo 2024
Tag
2021/341Accordo di Parigiacquaacqua dolceagricolturaagricoltura sostenibilealimentazioneambienteanimaliApiApicoltoriaroTHERM plusarticoAssociazione L’Arte del Vivere con Lentezza Onlusassociazionibeauty routinebenesserebiciclettabiodiversitàbioediliziabiogasborsa di studioBrandforumbuoni propositicaldaia ibridacaldaiecambiamenti climaticicambiamentocambiamento climaticocaro bollettecasacasa greenCase greencertificazioneChange managementcibociclofficinecinemacioccolatocircular economyclasse energeticaclimatizzatoriclimaVAIRco-housingcomfortcomunità energetichecondizionatorecondizionatoriconsumiCOP26COP27COP28Copernicuscoronaviruscotone biologicocovid-19daddecarbonzzazionedeforestazionedenimdesigndetrazioni fiscalideumidificatoredidattica a distanzadigitaledirittidiritto alla disconnessionediscaricadomoticadpie-wasteEarth Day 2021Earthdayecoetichettaecofashionecologiaeconomia circolareecosistemiecosostenibilitàediliziaeducazione greenefficienza energeticaelettrolisielettrolizzatoreElia OrigoniemissioniEneaenergiaenergia pulitaenergie rinnovabilieolicoeticaEuropaeventiFarfalla BlufashionfelicitàFerrarifesta della mammaFeste natalizieforeste pluvialiforeste sostenibilifotovoltaicogazzetta ufficialegeopoliticaGiornata Europea dei ParchiGiornata Mondiale dell AlimentazioneGiornata Mondiale della ApiGiornata Mondiale della BiodiversitàGiornata Mondiale della Foresta PluvialeGiornata Mondiale della Terragiovanigreengreen buildinggreen economygreen jobshabitathome-schoolinghydrogen valleyhyggeidrogenoidrogeno bluidrogeno verdeimballaggiImpact Marketing Awardimpronta ambientaleincendiindoorinfluencerinnovazione tecnologicainquinamentointelligenza artificialeinternetIRENAITjeanslegnolettura digitaleLIfegatelinguaLoss & DamageLoss and Damagelotta ai cambiamenti climaticilotta allo spreco di cibomanutenzionemascherinematerie primemobilità nuovamobilità sostenibilemoda sostenibilemusicaNatalenaturaNazioni Unitenevica plasticanew normalityNuovo UmanesimoObiettivi di Sviluppo Sostenibileobsolescenzaofficine popolariOlivettiONUorganicopackagingpartecipazionepasquapassionePEFC Italiapendolariphygitalpianetapianificazione urbanaPiano Nazionale di Ripresa e Resilienzapiantagioni di cacaopiove plasticaplasticaplasticfreepodcastpompa di caloreproduttivitàproduzione jeansqualità ariaR290raccolta differenziataraeeReCiProcorecuperorelaxREpowerEUresoresponsabilità sociale di impresaricarica auto elettrichericondizionatoriduttore di flussorifiutirigeneratorigenerazioneriparazioneriscaldamentoriscaldamento globalerisorse naturalirisparmioriuso e ricicloriutilizzosalutesalvaguardiaSEEDS 2030siberia articasicurezzaslowslow bossSlow Brand Festivalsmart buildingsmart citysmart homesmart workingsmogsostenibilesostenibilisostenibilitàsostenibilità socialesportsprechisprechi in cucinastagione degli incendisviluppo sostenibiletechtecnologiatempo liberotermostatiterraTHE HUMAN SOCIETYtransizione ecologicatransizione energeticatrasporto urbanotrendturismoturismo sostenibileUmanesimo aziendaleundertourismuovo di cioccolatovacanzeVaillantviaggivintageWebwelfareWePlanetWorld Food DayWorld Happiness ReportWWFzero sprechizero waste
smart cooking

Dallo smartworking allo smart cooking

E mentre si vive sempre più in casa, non ci si sottrae a curare anche meglio anche la cucina, che non può più prescindere dall'essere efficiente dal punto di vista energetico

Tempo di lettura: 2 minuti

Gli italiani alle prese con lo smart working stanno dando il meglio di loro anche in fatto di smart cooking e il locale più frequentato è la cucina di casa.

Secondo quanto emerge da una ricerca commissionata da Mastercard e condotta da Fly Research (su un campione di 19.000 adulti di tutta Europa), il 64% degli italiani (contro il 58% degli europei) ha migliorato e perfezionato le proprie doti culinarie nel corso dell’ultimo anno, per far fronte alle restrizioni imposte dalla pandemia e allo stesso tempo trovare una forma di svago casalingo.

Per fare al meglio lo smart cooking non sono stati risparmiati gli acquisti di attrezzature da cucina, stoviglie e libri di cucina – rileva sempre la ricerca che sono state queste le voci al top.

Ma è alto l’interesse anche per gli smart device, segno che anche l’attenzione per una cucina che risponde ai parametri dell’efficienza è cresciuta. Energetica compresa. Lo sta indagando anche una community come Al.ta Cucina sollecitata dall’operatore energetico NeN.: qual è il livello di consapevolezza energetica degli italiani, quando vivono e usano la cucina? È possibile aiutarli a intraprendere comportamenti più sostenibili?

In effetti questo è un tema che non va più preso alla leggera. Perché in cucina ci sono molte azioni che possono far sprecare energia: come, per esempio, avere il forno posizionato vicino al frigorifero.

E ancora: mentre si cucina con il forno tradizionale, è possibile spegnerlo alcuni minuti prima della fine della cottura, perché se si tiene chiuso lo sportello, il forno continua a mantenere la temperatura per diversi minuti.

Conviene anche tenere d’occhio la lavastoviglie e farla funzionare sempre a pieno carico.

Ovviamente tutto parte dall’aver acquistato o meno elettrodomestici ad alta classe di efficienza, che significa garantirsi consumi di gran lunga più bassi, con un risparmio crescente rispetto alla classe scelta, che può arrivare a offrire il massimo delle prestazioni con la categoria A+++.

Infine, non sembra ma un semplice coperchio può fare la differenza per far raggiungere e mantenere il calore in cottura . E ancora di più usare spesso la pentola a pressione: tutto sta nel saperla gestire al meglio, per dare il tocco di sapore in più ai manicaretti.

C’è da pensarci visto che un pranzo/cena con i fiocchi può incidere non solo sulla bolletta. Come quello di Natale o Pasqua che può avere un impatto  per una famiglia di 4 persone quantificabile – secondo dati Pulsee, operatore Green e digitale di luce e gas – in circa 150 kg di CO2, pari a un passeggero in volo da Milano a Londra.