4 Dicembre 2021
Tag
acquaagricoltura sostenibilealimentazioneambienteanimaliApiApicoltoriarticoassociazionibeauty routinebenesserebiciclettabiodiversitàbioediliziabuoni propositicaldaiecambiamenti climaticicasacasa greencibociclofficinecinemacioccolatocircular economyclimatizzatorico-housingcomunità energeticheCOP26Copernicuscoronaviruscotone biologicocovid-19daddenimdesigndetrazioni fiscalididattica a distanzadigitalediritto alla disconnessionedpiEarth Day 2021Earthdayecologiaeconomia circolareecosostenibilitàediliziaeducazione greenefficienza energeticaElia Origonienergiaenergie rinnovabilieticaeventifashionfesta della mammaGiornata Mondiale dell AlimentazioneGiornata Mondiale della ApiGiornata Mondiale della BiodiversitàGiornata Mondiale della Terragiovanigreengreen buildinggreen economygreen jobshome-schoolinghyggeidrogenoimpronta ambientaleincendiinfluencerinnovazione tecnologicainquinamentojeanslingualotta ai cambiamenti climaticilotta allo spreco di cibomascherinemobilità nuovamobilità sostenibilemoda sostenibilemusicanaturanevica plasticanew normalityobsolescenzaofficine popolaripackagingpasquapendolariphygitalpianetapiantagioni di cacaopiove plasticaplasticaplasticfreepompa di caloreproduzione jeansraccolta differenziataraeerelaxresponsabilità sociale di impresarisparmioriuso e riciclosalvaguardiasiberia articasicurezzasmart buildingsmart citysmart workingsmogsostenibilesostenibilisostenibilitsostenibilitàsprechi in cucinastagione degli incendisviluppo sostenibiletechtecnologiatempo liberoturismoturismo sostenibileundertourismuovo di cioccolatovacanzeVaillantviaggiWePlanetWorld Food Dayzero sprechizero waste
giornata della terra

22 aprile: viva Madre Terra

Una giornata importante quella del 22 aprile nella quale si rinnova l'invito a difendere il nostro Pianeta, nella sua interezza: suolo, aria, acqua e biodiversità tutta

Tempo di lettura: 2 minuti

22 aprile: buon compleanno Terra. Sulla tua torta ci sarebbero da spegnere troppe candeline. Noi ne metteremo simbolicamente 52, perché è solo dal 1970 che si festeggia l’Earth Day, una giornata dedicata alla salvaguardia del nostro Pianeta.

Il rispetto di Madre Terra è sempre più fondamentale anche per la nostra salute. Anche se a volte – chi scrive – è presa da sgomento: se non si rispettano le donne – madri anche loro – come si può pensare che le persone siano attente e rispettose verso la Terra, che in troppi ancora non percepiscono in difficoltà?

Ma poi – sempre chi scrive – si riprende subito e si dice: andiamo avanti, non molliamo e, anzi, se è possibile allarghiamo il rispetto a tutte le componenti che fanno della Terra un unicum.

Suolo, aria, acqua in primis. Seguito dal mondo vegetale e animale, ovvero dalla biodiversità. Insomma, tutto ciò che è pesantemente messo a rischio dall’azione antropocentrica.

Quindi, nella giornata della Terra per prima cosa verrebbe da dire: attenti all’umanità. Sicuramente, il declino della biodiversità è uno dei più importanti e complicati problemi ambientali che Madre Terra si trova a difendere.

La biodiversità non è un concetto semplice da comunicare: proviamo a giocare con le immagini. Se vi chiedo di descrivere con un disegno la parola biodiversità voi da dove iniziereste?

Anche per questo, forse, l’importanza e la gravità del declino della biodiversità non sono ancora ben percepiti. Con il termine biodiversità, abbreviazione di diversità biologica, s’intende la varietà della vita sul pianeta e delle relazioni che si stabiliscono tra gli esseri viventi e gli habitat.

La Convenzione sulla Diversità Biologica – spiega Ispra – distingue tre livelli in cui i milioni di piante, animali e microrganismi si organizzano: il livello dei geni, che dà vita alla diversità e all’eredità di ciascuna specie; il livello delle specie che sono parte di un ecosistema, quali farfalle, salamandre, salmoni, pioppi, querce, petunie; il livello degli ecosistemi, intesi come entità reali del mondo naturale (foreste pluviali, steppe, barriere coralline, fiumi, ghiacciai, ecc.).

I dati del Global Carbon Project ci dicono che nei suoli – nonostante decenni di pratiche di deforestazione e di agricoltura non sostenibile li abbiano resi fonti di emissioni di gas-serra verso l’atmosfera – sono immagazzinate tra 1.500 e 2.000 miliardi di tonnellate di carbonio, una quantità doppia rispetto a quella contenute nell’atmosfera (830-850) e tripla rispetto a quella nella vegetazione (450-650).

Salvare il suolo, quindi vuol dire salvare la Terra. Ma il nostro Paese sta ancora aspettando una legge che tuteli sia il suolo che la Terra. E dunque?